martedì 6 maggio 2008


Aveva preso il caffè e, come fosse suonata la sirena di fine turno, si alzò per incontrare i suoi compari. Io sapevo che da lì a poco lo avrei potuto raggiungere al tavolo del bar per "scroccare" il solito gelato al biscotto. Infatti aspettai 10 minuti e, dopo uno sguardo d'intesa con la nonna, corsi fuori. Le scale erano perennemente all'ombra e il granito degli scalini anticipava, lungo le gambe scoperte, il refrigerio che da li a poco mi avrebbe regalato il gelato. Appena aperto il portone d'ingresso della vecchia palazzina, sbattei contro l'afa d'agosto. Mi guardai in giro alla ricerca di Andrea e Giampiero, erano loro ad avermi iniziato all'opera estorsiva, ma rimasi deluso. Allora, nonostante l'imbarazzo nell'esser solo, mi inccaminai lungo la breve salita per il bar Borgo Rosso. L'insegna riportava una falce e martello rossa su sfondo bianco e, all'interno del cortile c'erano cinque tavoli gremiti. Ad ogni tavolo sedevano le 2 coppie di giocatori e tutt'intorno un crocchio di vecchietti pronti a dire la loro su ogni errore "tattico". Già dalla salita sentivo le nocche ossute degli anziani contendenti. Suonavano a intervalli regolari come i fuochi per la festa del patrono. Spesso con i miei cugini avevamo cercato di imitarli nel tirare giù il "carico" ma il dolore ci invitava a desistere. Quelle mani, rugose, vissute, avevano lavorato e perso ogni sensibilità. Erano cresciute coltivando la terra d'abruzzo, facendo una guerra e allevando una squadra di bimbi. Avevano sopportato il freddo dei campi invernali e si erano seccate al sole cocente che ogni estate faceva la gioia dei bagnanti romani.
Tra un colpo e l'altro mi avvicinai al tavolo del nonno. Diego lanciò subito uno sguardo d'intesa verso gli altri giocatori come ad avvertirli del mio arrivo. Quei tavoli spesso erano testimoni di riti esoterici dove, ad ogni giro di bevuta da saldare, venivano invocati tutti i santi del paradiso. Appena gli fui di fianco si girò e mi rivolse un sorriso, la partita non era terminata ed io sapevo che avrei dovuto aspettare l'ultimo scarto. Appena conclusa la disfatta mio nonno mi allungo i soldi e mi disse di ordinare quattro birre e di tenermi il resto. Mi si illuminarono gli occhi notando il biglietto da 5 mila lire. Entrai e Alfonzo, il proprietario del bar, il militante comunista da tutti chiamato Fonzi, mi aspettava al bancone con le birre già pronte. Una volta servito il tavolo del nonno, corsi di nuovo all'interno in direzione del frigo gelati. Spostai i lunghi cartoni dei ghiaccioli e afferrai il mio gelato al biscotto. Avevo vinto e le tasche erano gonfie di spicci, questa volta avrei avuto l'occasione per inserire il mio nome nei record del videogame.

37 commenti:

Anonimo ha detto...

tu
però
così
mi fai piagnere.

ce

fausto ha detto...

no no... dai che c'è un gelato anche per te!

p.s. dai un bacio alla nana!

suburbia ha detto...

Che delizioso quadretto neorealista. E' autobiografico? Bhe comunque bello.
ciao

fausto ha detto...

si...
ok un gelato anche alla suburbia.

em ha detto...

come neorealista? siamo dunque tanto vecchi? anch'io ricordo bene i cartoni lunghi dei ghiaccioli. li vendeva mia zia.
bel pezzo, fausto.

fausto ha detto...

diciamo...neosurrealista ;)

ok un gelato anche per em!

suburbia ha detto...

I baffetti??? questo mi sfugge, un aiuto.
X em: no che non siamo vecchi ma lo stile era quello, neosurrealista e' da scolpire :-)
buona giornata

fausto ha detto...

suburbia - ti sfugge? forse sei troppo "piccola, piccola, piccola...così".

suburbia ha detto...

Allora ha ragione em... siamo cosi' vecchi??? :-)
Piccola io ???' naaaaaa
Mi sa che ormai a persone con la sigaretta ti manca solo questo....

fausto ha detto...

suburbia - :D ma chi è?

Anonimo ha detto...

mi sembra pino d'angiò...quello di "ma quale idea?"...sbaglio?

Cri

suburbia ha detto...

Centro!
Bingo!
Allegria!
Brava Cri
Diciamo la prima canzone italiana rap.
Poi arriveranno i grandissimi ARTICOLO

fausto ha detto...

cri - pino d'angiò? la ritengo un'offesa personale.
ho letto che ha presentato un pezzo di successo intitolato "fammi un panino"... e dico tutto!

fausto ha detto...

vergognatevi entrambe!

suburbia ha detto...

E allora rimetti la tua foto...
ps. a parte "fammi un panino", che volendo ha un titolo neorealista, non era poi malaccio, eh Cri?

Anonimo ha detto...

Paola: a me Pino D'Angiò m'"attizzava" parecchio! :D

Fausto: :P

fausto ha detto...

suburbia - quando dici "rimetti la tua foto" a quale ti riferisci?
inoltre anche io avrei qualcosa da dire sulla tua icona... non è bello entrare in macchina e vedere che hai lasciato un commento sul mio cruscotto!

fausto ha detto...

cri - adesso si spiegano tante cose...

suburbia ha detto...

Intendevo la prima foto... fumosa e con gli occhiali, se ricordo bene
(era una provocazione perche' ci hai detto di vergognarci... anche quelle successive sono belle belle)

Sul cruscotto :-)))
Ok la prossima vota ti infilo un post-it nella fessura del finestrino, :-)
Oggi posto sul prezzo del petrolio cosi la mia icona rientra in tema.
Cri: Fanno del revisionismo su tutto ... D'angio se lo meriterebbe :-). si carino carino.
Adesso cerco il video... ehi ma c'e' anche "fammi un panino"... devo aspettare la pausa per sentirla.
Ciao

fausto ha detto...

pino d'angiò ti "attizzava"? riparliamone...

em ha detto...

di suby già conoscevo i nefasti gusti musicali, ora pure la cris... vanno entrambe rieducate (musicalmente s'intende): mandatele a casa mia 15gg quest'estate per una full immersion...

suburbia ha detto...

X fausto: dicevi con me o con Cri?
X em: no problem! dove di preciso in veneto?? In fondo ci sono citta' d'arte e se mi va bene anche il mare

X tutti
... Funky come Pino D'Angio' pero', tarro come Massimo Ciavarro...
(li adoro!)

fausto ha detto...

em - temo siano irrecuperabili ;)

suburbia - da quello che ho capito vale per entrambe.

p.s. cos'è quella citazione? perfavore! :P

Anonimo ha detto...

em: "ma quale idea" era ganzetta, dai! e cmq...io mi riferivo...ehm...più al suo aspetto che al suo talento musicale ;-)

fausto ha detto...

cara anonima questo è un vero colpo basso! scusami em.

em ha detto...

azzo, 15gg non bastano...

Anonimo ha detto...

Secondo me il Simpson ti si addiceva. Certo che tu cambi avatar come i cambio colore di capelli, ora io sono un caso disperato, ma tu figlio mio sei in tempo per salvarti !!!! Però pensandoci bene, ti ci vedo coi capelli lilla, oppure mogano... Posso portarti l'henné? XD
Mika

Anonimo ha detto...

x Fausto ed Em: siete solo invidiosi del sex appeal di "pino"!! tiè!!
Mika: perchè mi svilisci Fausto...con tutti gli "avatar" che ha alternato, gli vai a dire che quello che più gli si addice è il Simpson??? :(

cristina d'angiò

Anonimo ha detto...

Bhe ad essere sincere era proprio carino. Da li a dire che mi attizzava ce ne passa pero'...
em quant'e' la prognosi?

Davvero quello che gli si addiceva di piu' era simpson??? A chi credere a Mika o Cri???Bho

Paola D'Angiò

fausto ha detto...

mika - una bella chioma blu elettrico tipo "anime" non mi dispiacerebbe :P

sorelle d'angiò - vi prego! mi cantate "fammi un panino"?

Anonimo ha detto...

Nah, il blu è troppo aggressivo per te. Non ti ci vedo. Però col capello un pò sfilato e una freccia color argento o magari viola...
Mika

fausto ha detto...

mika - capelli sfilati? frecce argento e viola? che parrucchiere frequenti? ;)

Mika ha detto...

Efferttivamente sei troppo tradizionalista esteticamente!

fausto ha detto...

dici che posso fare a meno della bombetta?

Mika ha detto...

Ma sì, ti vedo più stile Ned Flanders. Con la camicetta rosa sotto il maglioncino verde!!!!

fausto ha detto...

certo certosino! come no...

Mika ha detto...

Intendevo solo l'aspetto estetico, OVVIAMENTE.

Posta un commento